1653409_10152323793268413_404508847_n

Allevamento Visoni di Dovera parte 3 ^

UNArivolta ha avuto i documenti relativi all’allevamento di visoni di San Rocco a Dovera, per cui stiamo raccogliendo fondi al fine di presentare ricorso (aiutateci: https://www.indiegogo.com/projects/ricorso-al-tar-contro-l-allevamento-di-visoni#/story ).

I visoni allevati saranno “3500 cuccioli, stabulati in  gabbie in strutture mobili 30×86 cm” (non si dice quanti per gabbia!) “con cibo versato sopra le gabbie. L’abbattimento avverrà in modo sicuro e indolore in un cassone saturo di monossido di carbonio filtrato e raffreddato prodotto da un motore a scoppio”. I cadaveri saranno buttati “EXPO 2015 Nutrire il pianeta, Energia per la vita “. I visoni saranno ospitati sotto tettoie in lamiera coibentata, “per loro maggior confort”.
Ogni anno, solo in Italia, almeno 170mila visoni vengono uccisi. Come ha scritto Il Corriere: Gli animali vengono prelevati dalle gabbie e introdotti in una sorta di «camera a gas» portatile. Dove moriranno per asfissia. Alcuni tentano di fuggire (ma la libertà dura solo pochi minuti), altri cercano di divincolarsi quando un lavoratore arriva per esaminare lo stato della loro pelliccia. Nel video non vengono rilevati maltrattamenti particolari, ma la vita quotidiana di questi visoni. «Rinchiudere un animale selvatico in una piccola gabbia e soffocarlo in una camera a gas è un maltrattamento punito dalla legge, ma se con tale modalità ne vengono abbattuti migliaia, allora è un allevamento di visoni – commenta Simone Montuschi, portavoce dell’organizzazione animalista  Essere animale –  Con numerosi appostamenti e con l’utilizzo di telecamere nascoste siamo riusciti a filmare l’uccisione di questi animali, quando ancora cuccioli vengono gettati nelle camere a gas, una morte atroce che però non rovina la loro pelliccia».

video: http://video.corriere.it/dentro-l-allevamento-visoniuccisi-il-gas-la-pelliccia/5533ec1e-b6b6-11e4-a17f-176fb2d476c2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *